DMEP Blog Pubblicità

La pianificazione multicanale in 4 mosse

Immaginate il destinatario ideale a cui rivolgere, nel modo più efficace possibile, la vostra comunicazione aziendale: le sue abitudini, le sue azioni, la sua giornata tipo. Ipoteticamente si sveglia la mattina presto, sfoglia il giornale o la rassegna stampa facendo colazione. Poi prende l’auto e mentre si dirige al lavoro ascolta la radio. Una volta in ufficio controlla continuamente le sue mail e, fra una pausa di lavoro e l’altra, naviga su svariati siti. In pausa pranzo, mentre va a pranzo vede un’affissione alla fermata del bus vicino al ristorante e, in attesa del proprio cibo, legge gli aggiornamenti e le news sul suo smartphone. Una volta a casa, dopo cena guarda la tv con la famiglia mentre interagisce coi social network.

leggi tutto

Barilla: marketing fail e giuste polemiche

di Paolo Armelli

leggi tutto

Che cos'è la brand transparency

Pensate alla vita di uno studente di metà anni ‘90; ogni qualvolta avesse avuto bisogno di una qualche informazione, la ricerca seguiva sempre gli stessi passi: prima chiedeva ai genitori o agli amici, poi consultava un’enciclopedia, e infine si recava alla biblioteca comunale. E oggi? Oggi tutto è a portata di click: ogni giorno Google effettua per noi 2,5 miliardi di ricerche e ogni mese YouTube carica più video di quanti ne abbiano diffusi i tre principali network statunitensi negli ultimi sessanta anni.

leggi tutto

Cos'è il Personal Branding?

In un’epoca in cui le informazioni sono tante ma il tempo è poco, saper comunicare in modo rapido ma convincente la propria immagine e ciò che questa racchiude è una regola fondamentale per ogni azienda e i suoi marketer. In realtà, si tratta di una norma non destinata esclusivamente alle imprese, ma anche alle persone: ognuno di noi è di fatto un marchio, diverso da tutti gli altri ma che, per emergere, ha bisogno di distinguersi. Forse senza rendercene conto, ma tutti noi, chi più e chi meno consapevolmente - e di conseguenza con più o meno successo -, cerca ogni giorno di promuovere la propria immagine e il proprio nome in svariati modi.

leggi tutto

I Big Data e il marketing

Da qualche mese a questa parte, sia in rete che in occasione di conferenze e convention dedicate al mondo digitale e al marketing, non si fa altro che parlare di Big Data: si cerca di darne una definizione univoca e condivisa, si prova a valutarne il potenziale, si ipotizzano possibili scenari futuri... Ma cosa sono in realtà questi Big Data?

leggi tutto

Su Facebook arrivano gli spot come in TV

Ogni nuova invenzione che si rispetti prevede il suo affermarsi sulla scena e il suo tentativo di spodestare chi, la scena, la dominava fino a quel momento. Questa regola vale anche per i social media che, nella nascita e nella crescita, hanno minato all’esistenza dello strumento che esercitava un dominio incontrastato nella comunicazione di massa, ovvero la televisione. Ad eccezione di qualche sporadico episodio collaborazionista, il rapporto tra social network e TV è sempre stato conflittuale e ha visto come principale oggetto del contendere l’attenzione del pubblico, specialmente da un punto di vista pubblicitario.

leggi tutto

Social e forum alla conquista dell'e-commerce

Che i nuovi social media e le comunità online abbiano profondamente modificato la nostra vita di tutti giorni, oltre al modo di navigare in rete, è un dato assodato e incontestabile. Ma fino a che punto e in che modo questi nuovi strumenti di comunicazione influenzano le scelte dell’acquirente medio italiano? Questo è il quesito a cui ha tentato di rispondere lo studio “Il futuro del commercio – Scenari e tendenze tra online, offline, social e mobile” condotto dal Consorzio Netcomm, Human Highway e il Politecnico di Milano per conto di Ebay Italia.

leggi tutto

Royal Baby Marketing

Negli ultimi giorni, a nessuno di voi sarà sfuggita la notizia della nascita del futuro erede al trono del Regno Unito, figlio dei Duchi di Cambridge William e Kate. Durante tutto il periodo di gravidanza i media nelle loro svariate declinazioni - televisione, giornali, radio, web, social network - hanno cercato, come si conviene nei casi in cui temi di politica si mescolano con il puro gossip, di tenerci costantemente aggiornati su ogni sorta di novità che potesse profilarsi all’orizzonte, fosse questa davvero rilevante o meno.

leggi tutto

Social media contest: regole e divieti

Quello che una volta veniva semplicemente definito concorso promozionale ha subito una sostanziale trasformazione e oggi prende il nome anglosassone di social media contest. In realtà, questa definizione racchiude svariate forme in cui un concorso online può declinarsi; ciò è dovuto tanto alla varietà degli strumenti a disposizione del pubblico quanto alla natura stessa dei social network che ospitano il contest in quesitone. In base alle singole peculiarità, ogni piattaforma social offre diverse possibilità di sviluppo della gara, di partecipazione e di selezione del vincitore.

leggi tutto

Il contest marketing diventa social

Uno dei pregi delle nuove tecnologie informatiche è sicuramente la capacità di riportare a nuova vita oggetti, abitudini e pratiche dimenticate o comunque considerate sorpassate e obsolete. Esistevano una volta i concorsi promozionali, molto spesso alquanto macchinosi e complicati, che richiedevano la spedizione per posta della propria partecipazione alla gara, sempre accompagnata dalle famigerate due o tre prove d’acquisto. Una pratica oggi considerata davvero arretrata e poco conveniente, tanto per i clienti quanto per le aziende promotrici, ma che, grazie appunto all’avvento del web 2.0, ha subito un mutamento sostanziale: il concorso promozionale ha ceduto il posto al social media contest.

leggi tutto

PUBBLICITÀ

Articoli recenti