L'importanza dello user-centered design per migliorare l’esperienza sul tuo sito web

WEB DESIGN | CONVERTI
L'importanza dello user-centered design per migliorare l’esperienza sul tuo sito web

Hai appena aperto un sito web per la tua azienda: gli hai dedicato tempo e denaro e il risultato a cui sei giunto ti piace. 

Ma sei proprio sicuro che quello che stai facendo stia andando nella direzione giusta?

In fin dei conti quel sito non è a te che deve piacere: il tuo obiettivo è infatti quello di realizzare un portale che sia di gradimento e, soprattutto, che sia funzionale per i tuoi contatti affinché questi ultimi si trasformino in lead interessati a quanto stai proponendo loro.

L’utente al centro

È dunque chiaro che la strada che devi iniziare a percorrere per il tuo sito aziendale nuovo di zecca è quella dello user-centered design. Ma cosa significa, esattamente? L’UCD, o progettazione centrata sull’utente, è quell’insieme di pratiche di progettazione atte a massimizzare l’usabilità del tuo sito web per gli utenti che lo aprono e vi navigano.

 

Non sai come adattare i tuoi contenuti alle diverse fasi del buyer's journey? Abbiamo realizzato un'infografica che fa al caso tuo! Scaricala gratuitamente cliccando qui!

 


L’importanza delle buyer persona

Di certo è impossibile prevedere tutte le mosse che il tuo futuro cliente farà online, ma un modo per prenderlo in contropiede c’è: ed è quello di pensare allo user-centered design avendo ben presente quali sono le buyer personas alle quali ti vuoi riferire.

Prima ancora di iniziare a strutturare il tuo sito web, dunque, prenditi un po’ di tempo per fare qualche ricerca su quelle che potrebbero essere le persone che ci navigheranno. In questa attività tieni in considerazione elementi quali il loro segmento demografico di riferimento, i loro interessi e le loro necessità oltre che il loro profilo comportamentale, ossia quello che fanno quando navigano. Tutte queste informazioni sono reperibili dagli Insights dei principali social ma anche dalle ricerche che gli utenti effettuano quando aprono un motore di ricerca.

Una volta individuati questi elementi è il momento di creare un sito che sfrutti al massimo le potenzialità dello user-centered design. Questa pratica aiuterà gli utenti che navigano sul tuo sito a sentirsi veramente a loro agio, trovando non solo i contenuti adatti alle loro esigenze ma anche la strada giusta per scovarli nel minor tempo possibile. E, quindi, per diventare lead interessati in un batter d’occhio.


La home page

Già a partire dalla home page, dove puoi indirizzare il tuo utente con l’uso di link del tipo “Choose Your Own Adventure”. Si tratta di una grafica, corredata da link di re-direct, che permette a chiunque apra il tuo sito di avere accesso a contenuti “tagliati” sulla base di un profilo prestabilito e subito specificato. Per esempio, se il tuo target comprende sia agenti sia responsabili vendite, potrai dare a ciascuno di loro la possibilità di leggere contenuti che li riguardano creando bottoni ad hoc che li reindirizzino su quella parte del sito a loro dedicata.

Un altro metodo è quello di creare menu di navigazione diversi già a partire dalla home page: elenchi a tendina che, scendendo, svelano il contenuto di ciascuna categoria oppure una serie di link che, in una colonna separata, rimandano direttamente agli articoli. All’interno dei contenuti, invece, puoi reindirizzare gli utenti verso articoli di loro gradimento attraverso l’uso dei tag o degli articoli correlati.


I contenuti

Il passaggio successivo è, ça va sans dire, quello di creare contenuti che possano interessare tutte le tue buyer persona. Ciascuna di loro ha esigenze particolari e proprio a quelle ti devi riferire nella stesura di un articolo.


La landing page

Non solo. Se fino a questo punto hai fatto un buon lavoro, probabilmente i tuoi utenti proseguiranno la navigazione fino ad arrivare su una landing page. Queste pagine di atterraggio sono spesso sottovalutate, ma anche per loro valgono le regole dello user-centered design: nella loro realizzazione è importante non solo tenere a mente le necessità diverse di ciascun utente ma anche, sulla base di esse, modulare la spiegazione del materiale che può essere scaricato attraverso quelle stesse landing page.


La CTA

Ultimo ma non ultimo è il passaggio dedicato alle call-to-action. Anche queste, infatti, devono essere personalizzate sulla base degli utenti che vi cliccheranno sopra: è dunque buona pratica creare pulsanti di CTA che siano correlati a delle offerte mirate e, successivamente, inserirli nelle pagine del tuo sito web dedicate a queste persone.

 

 

Infografica_Buyers_journey_un_contenuto_per_ogni_fase

  • Commenti

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?