HubSpot: una soluzione per ogni fase del flywheel

HUBSPOT
HubSpot: una soluzione per ogni fase del flywheel

Quante volte hai letto che quello del digital marketing è un mercato in costante evoluzione? Troppe. Tuttavia, la realtà è proprio questa e in un mercato così fluido chi si ferma è perduto.

 

Rivoluzione HubSpot: dal funnel al flywheel

Fino a qualche anno fa, il percorso di acquisto veniva rappresentato come un imbuto (funnel): l’utente ancora sconosciuto entrava, faceva il suo percorso tra awareness, consideration e decision ed usciva dal tunnel con il nuovo appellativo di cliente.

In questo schema, il nuovo cliente, una volta acquisito, si perdeva nel nulla e non aveva più influenza sul business dell’azienda.

Chiaramente il funnel d’acquisto non rappresenta la realtà dei fatti: ogni cliente, infatti, può essere motore per l’acquisizione di nuovi contatti grazie a uno dei driver più importanti ovvero il passaparola. La sua esperienza con il brand diventa oggetto di racconto e motivo di dialogo all’interno delle sue cerchie portando nuove persone a conoscere la nostra realtà.

Secondo i dati di BigCommerce, il 74% dei consumatori intervistati ritiene che il passaparola sia uno dei driver più influenti per l’acquisto.

Ed ecco che si passa dal funnel al flywheel (volano). L’imbuto si arrotola su se stesso per diventare una ruota in cui tutte le fasi del percorso d’acquisto sono interconnesse e si influenzano a vicenda: da lead a cliente, da cliente a promotore del business, dai promotori all’acquisizione di nuovi lead e il cerchio si chiude.

Ad ogni fase, HubSpot ha dedicato un Hub con funzionalità e strumenti: li vediamo qui di seguito con una panoramica a 360°.

 

Vuoi scoprire tutte le feature di HubSpot? Attiva oggi la versione Free! Clicca  qui

 

Marketing Hub: le soluzioni per l’attrazione

L’origine del mito HubSpot risiede in questo nucleo: il Marketing Hub. Contiene tutte le funzioni per lanciare campagne di marketing efficaci in grado di interessare il pubblico e avvicinarlo al tuo business.

Esiste in quattro piani con costi e funzioni diverse in modo da adattarsi alle esigenze economiche e strategiche di ogni azienda: free, starter, professional ed enterprise.

Dal piccolo nucleo iniziale, oggi il Marketing Hub offre - anche nella versione gratuita - diverse funzionalità molto utili. La prima, e anche la più notevole, è la presenza gratuita del CRM. Acronimo di Customer Relationship Manager, è lo strumento per tenere traccia di tutti i contatti acquisiti da tutti i canali: ADV, sito e form di contatto, mail, social media…

Oltre al CRM, il Marketing Hub di HubSpot presenta numerosissime funzionalità, di seguito le principali.

 

1- CMS e Blogging Tool

Uno strumento per pubblicare contenuti rilevanti, coinvolgenti e ottimizzati per la conversione in modo semplice e immediato. Il CMS di HubSpot consente di gestire e monitorare diverse tipologie di contenuto: dagli articoli del blog alle website page, passando per le landing page.

L’interfaccia è la ormai nota WYSIWYG (What You See Is What You Get) il che rende la creazione di nuove pagine accessibile anche a chi non ha conoscenze di codice. Tuttavia, esistono anche delle opzioni per la personalizzazione avanzata attraverso l’utilizzo di linguaggi HTML e CSS.

 

2- Marketing automation

Quanto tempo potresti risparmiare se ci fosse un sistema che manda e-mail e comunicazioni al posto tuo? La risposta è non molto… di più. La comunicazione richiede tempo e pazienza, per questa ragione, l’automazione è una risposta efficace ed efficiente a chi è in cerca di abbattere i tempi legati all’e-mail marketing.

Grazie a quest’importante funzionalità è possibile creare dei percorsi automatizzati basati su diverse tipologie di trigger - azioni, date - oppure su dati dei contatti. Ad esempio, puoi inviare una mail nel momento in cui un contatto cambia lifecycle stage da MQL a SQL.

 

3- Social Media

Esistono infinite piattaforme per la gestione e la pubblicazione dei post sui vari account social aziendali, la più nota è probabilmente Hootsuite (senza contare gli strumenti nativi di Facebook come il Business Manager).

Non stiamo dicendo che queste piattaforme siano inutili, ma vuoi mettere la possibilità di avere tutti i dati aggregati in un unico luogo? Questo è possibile grazie al Social Media Tool presente all’interno del Marketing Hub nelle sue versioni Pro ed Enterprise.

Da HubSpot è possibile schedulare i post, controllare il tasso di engagement e tenere traccia delle performance per ogni pubblicazione. Tutti i dati raccolti vengono utilizzati per profilare ulteriormente i contatti presenti all’interno del CRM dandoti, così, una panoramica completa su chi hai di fronte.

 

Sales Hub: le soluzioni per la conversione

Dopo il Marketing Hub, nella suite HubSpot è entrato il Sales Hub dedicato interamente alle esigenze del team vendita. Oltre a supportare il reparto commerciale, quest’area della piattaforma consente di avviare pratiche si Smarketing e favorire lo scambio di informazioni tra Marketing e Vendite. Vediamo le funzioni strategiche più utili!

 

1- Live Chat

Come rispondere all’esigenza dei nostri prospect di una comunicazione che avvenga sempre di più in tempo reale? La live chat è sicuramente un’idea efficace per ridurre il tempo tra domanda e risposta.

Questa funzione è compresa all’interno del Sales Hub nei suoi piani Starter, Professional ed Enterprise senza limitazioni. Il messaggio di benvenuto può essere impostato a seconda della pagina del sito in cui l’utente si trova in modo da garantire una comunicazione che incontri i bisogni del proprio target.

 

2- Deal Pipeline

A che punto del buying journey sono i tuoi prospect? Quanto è probabile che una contrattazione si chiuda con un successo? Tutte queste domande trovano risposta nelle Deal Pipeline: in sostanza, degli schemi che mostrano il flusso delle opportunità all’interno del percorso di acquisto/vendita.

Grazie a questo strumento non solo è possibile verificare lo stato attuale della pipeline ma è anche possibile calcolare il guadagno futuro basato sulle trattative in corso.

 

Service Hub: le soluzioni per la fidelizzazione

Uno degli ultimi nati in casa HubSpot è il Service Hub, soluzione creata per la gestione del customer service, per monitorare e migliorare la soddisfazione dei propri clienti.

Nel giro di pochissimi mesi ha visto l’aggiunta di tantissime migliorie e funzionalità, ecco quelle più ammirevoli.

 

1- Knowledge Base

Una sezione nata per ridurre il tempo tra domanda e risposta. Sostanzialmente con il Knowledge Base è possibile creare una sezione FAQ in modo molto immediato con tanto di categorie e sottocategorie.

L’obiettivo di questo strumento è quello di rendere gli utenti autonomi nella ricerca delle informazioni e nella risoluzione dei problemi riscontrati con il proprio prodotto o servizio.

È possibile monitorare l’efficacia delle risposte pubblicate attraverso un sistema di rating. Inoltre, grazie alla barra di ricerca è possibile verificare quali termini di ricerca non hanno trovato risposta ed integrare così, giorno dopo giorno, la sezione FAQ.

 

2- Customer Feedback

Qual è il modo migliore per sapere se un cliente o un contatto è soddisfatto del servizio offerto? Semplice, basta chiederglielo!

All’interno del Service Hub di HubSpot abbiamo una sezione dedicata proprio al customer feedback: troviamo dei template preimpostati da inviare via mail in seguito ad azioni come la chiusura di un ticket o l’assistenza del nostro supporto clienti, ad esempio.

 

Una suite per domarli…

Tralasciando Tolkien, HubSpot si rivela la piattaforma perfetta per implementare il flywheel come nuovo modello di business all’interno della propria azienda. Dal marketing al customer service, non c’è area che non venga coperta da questo software realmente ALL-in-one.

Vuoi iniziare a sperimentare oggi i vantaggi di HubSpot e della sua Growth Suite? Attiva oggi la versione gratuita cliccando qui sotto.

New call-to-action

  • Commenti

Ricevi i nostri articoli via e-mail