Come affrontare la tua prima campagna di Inbound Marketing

GUIDA ALL'INBOUND MARKETING
Come affrontare la tua prima campagna di Inbound Marketing

Dopo mille riflessioni e altrettanti ripensamenti, hai deciso di provare ad imboccare la strada dell’Inbound Marketing.

Probabilmente te l’avranno già spiegato: questo approccio si basa principalmente sulla creazione di contenuti per attirare visitatori sul tuo sito, convertirli in utenti interessati ai tuoi prodotti o servizi, portarli ad effettuare un acquisto fino a diventare promotori del tuo business.

Fin qui, nulla di nuovo. Ma, concretamente, quali sono gli step che sarà necessario affrontare per sopravvivere alla primissima campagna Inbound? Non si può partire direttamente con la stesura dei contenuti! Bisogna prima costruire delle solide basi su cui poggerà l’intera strategia di comunicazione. Ma andiamo con ordine!

3...2...1… Kick-off!

Il primo ostacolo da superare è il kick-off. Si tratta della fase di avvio in cui, di fatto, si cercano di tracciare le linee base del lavoro del team. In genere si parte con un workshop durante il quale viene spiegata nel dettaglio la metodologia Inbound: l’approccio customer-centric, la necessità di fornire informazioni di valore per il cliente, ecc.

 

Vuoi rendere la tua strategia di marketing più efficace? CONTATTACI PER UNA  CONSULENZA GRATUITA >>

 

Una volta che ti sei fatto un’idea generale di tutto ciò che è possibile fare con l’Inbound Marketing, si può partire con la creazione delle buyer persona. Queste verranno delineate in una seconda riunione durante la quale team marketing e sales cercheranno di capire a quali clienti intende rivolgersi l’azienda.

È emerso da diverse ricerche (alcuni dati rilevanti li puoi trovare qui) che una comunicazione targettizzata aumenta il ROI in termini di traffico sul sito, lead generati e anche vendite. Per cui ricorda che, anche se può sembrare una perdita di tempo, delineare le buyer persona ti consentirà di migliorare la strategia di comunicazione.

Ehi, aspetta! Hai un sito o un blog? Nel caso in cui la tua risposta fosse no, allora dovrai mettere le buyer persona un attimo da parte. Senza un sito, o una sezione blog, sarà impossibile, infatti, pubblicare i contenuti. Se invece la tua risposta è sì, allora passiamo ad HubSpot!

Settaggio della piattaforma

Se hai scelto di lanciarti nel magico mondo dell’Inbound Marketing, probabilmente ti avranno parlato anche di HubSpot, software di marketing automation nato dall’omonima società americana leader mondiale nella metodologia Inbound.

Ebbene, non esiste Inbound senza HubSpot, per cui all’avvio della prima campagna è necessario settare la piattaforma aziendale. In questo modo tutto il tuo team avrà accesso in qualsiasi momento ai contenuti - anche a quelli non ancora pubblicati - agli analytics e al database di contatti.

Cosa s’intende con “settaggio della piattaforma”? Innanzitutto bisogna dare gli accessi a tutti i membri del tuo team, poi si inseriranno i dati aziendali e le impostazioni del blog, infine si passerà alla migrazione del template del sito e al caricamento delle buyer persona, quelle che avevamo creato durante il secondo incontro.

Entriamo nel vivo!

Eccoci finalmente arrivati al momento tanto atteso: la creazione della prima campagna di Inbound Marketing. Sappiamo a chi dobbiamo rivolgerci, conosciamo il core business della tua azienda, ma manca ancora un dettaglio: di cosa vuoi parlare? Avendo così tante informazioni a disposizione, il team contenuti ti farà delle proposte, ma sarai tu ad avere l’ultima parola.

Una volta scelto il core topic della tua prima campagna, si procede con la proposta dei titoli (il numero varia a seconda della strategia scelta, ma per saperne di più puoi leggere questo articolo). Scelti i titoli, questi vengono ottimizzati per i motori di ricerca attraverso un’attenta analisi delle parole chiave: la keyword strategy.

L’obiettivo è trovare quelle keyword con un volume di ricerca non eccessivamente ampio in modo da posizionarsi in una precisa nicchia di mercato. Vengono alternate keyword generiche e long-tail keyword, cioè termini di ricerca molto specifici costituiti da più parole. In questo modo si attirerà più facilmente un traffico di qualità.

Ti piacciono i titoli proposti? Sì? Allora possiamo iniziare la stesura dei testi. La prima campagna serve ai content writer per prendere le misure e allinearsi con i tuoi gusti. In genere, prima di scrivere ti sarà chiesto se vuoi mantenere uno stile più serio o più smart, se vuoi che venga utilizzato un linguaggio molto tecnico o più generalista. Più sarai dettagliato e più i contenuti saranno in linea con la tua identità aziendale.

Ultimo sforzo prima di chiudere la campagna: ricontrollare gli articoli. Ricorda che sei tu il più esperto sulla materia trattata, quindi non esitare a correggere eventuali refusi o errori di contenuto. Una volta pronti, gli articoli vengono caricati su HubSpot e poi programmati per essere pubblicati ad intervalli regolari.

L’approccio Inbound gravita attorno alle esigenze del cliente e al centro del nostro business ci sei tu. Se vuoi saperne di più sull’Inbound Marketing, clicca qui sotto e contattaci. Un nostro esperto sarà a tua disposizione gratuitamente per rispondere ad ogni tua domanda e soddisfare la tua curiosità.

 

Richiedi una consulenza gratuita con un nostro esperto cerficato

  • Commenti

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?