Ogni giorno in cui non comunichi i plus dell’edilizia sostenibile perdi contatti di valore

SEO
Ogni giorno in cui non comunichi i plus dell’edilizia sostenibile perdi contatti di valore

Siamo ormai entrati da tempo nell’era della comunicazione digitale: un sito è ciò che, di norma, viene definito come “quella cosa di cui non puoi fare a meno”. Allora decidi che è giunto il momento di fare un investimento e progettarne uno tutto tuo: passi settimane a capire quali sono le caratteristiche che non possono mancare; scegliere il partner più affidabile e conveniente con cui affrontare il progetto; fare riunioni su riunioni; correggere il look&feel una, due, dieci volte perché non è mai come lo vorresti tu.

Pensi e ripensi a come trasformare le tue idee ed esigenze in codice e alla fine, dopo mesi di lavoro e stress, arrivi al momento della pubblicazione: sei online. La tensione cala, il sito è pronto e ora non ti resta che attendere i primi risultati: ti hanno detto “Vedrai, una volta messo online il nuovo sito, i contatti inizieranno a piovere giù ad una rapidità tale che sarà anche difficile gestire tutto il nuovo carico di lavoro”.

Aspetti. “Beh, ci vuole tempo per indicizzarsi”. E i giorni scorrono, poi le settimane, infine i mesi: un anno è passato e di risultati nemmeno l’ombra.

 

Come sono posizionati i tuoi contenuti su Google? Scopri come analizzare le  keyword e usare al meglio la SEO per arrivare primo nelle ricerche!

 

Una verità scomoda

Ebbene, sì: ti hanno mentito. Non è sufficiente andare online con il proprio sito fiammante per iniziare a vedere i risultati. Se da un lato, un bel portale è un ottimo biglietto da visita per comunicare il valore del proprio brand; dall’altro i plus dell’azienda e dei suoi servizi vanno gridati a gran voce e fatti circolare per la rete. È inutile avere un bozzetto inedito di Leonardo e tenerlo in cantina: non ti potrà portare frutti in alcun modo; anzi, non farà altro che prendere polvere, rovinarsi e perdere gran parte del valore che aveva inizialmente.

Questo ragionamento vale per tutti i settori: anche per l’edilizia sostenibile, ovviamente.

Un tema molto caldo

L’Italia di oggi è tendente al green. Questi continui messaggi di salvaguardia del pianeta, gli incentivi ad essere più sostenibili e le immagini delle conseguenze del riscaldamento globale ci portano ad investire su uno stile di vita maggiormente ecocompatibile. Questo si riflette, ovviamente, sulle ricerche su Google.

Edilizia sostenibile, materiali ecosostenibili, case ecologiche, bioedilizia… questi temi legati a abitazioni ed ambiente suscitano molto interesse da parte non solo dei privati, ma anche nel settore pubblico.

Analizziamo i seguenti grafici: al di là degli alti e bassi a seconda del periodo dell’anno, i topic green rientrano tra le priorità del pubblico italiano: la bioedilizia, tra tutti, risulta l’argomento più importante. Come si nota dal secondo grafico, infatti, la linea non tocca mai l’asse orizzontale mantenendo come valore minimo il 26% di interesse rispetto al picco massimo raggiunto.

grafico ricerche andamento edilizia sostenibile

grafico andamento ricerche google bioedilizia

 

grafico ricerche google case ecologiche

grafico ricerche google materiali ecosostenibili

 

Tra le domande più richieste troviamo:

  • Cos’è l’edilizia sostenibile?
  • Quali sono i materiali per la bioedilizia?
  • Quali sono le norme che la regolano?
  • Quali aziende portano avanti progetti sostenibili?
  • Edilizia e sostenibilità ambientale: come coniugare queste due sfere?
  • Come sono fatte le case ecologiche?
  • Case ecologiche: come sono fatte?
  • Case ecologiche a zero spesa energetica

Le persone hanno sete di conoscenza, vogliono sapere come portare avanti uno stile di vita più compatibile con l’ambiente: questo è ciò che emerge dalle domande più diffuse e dai trend. Quindi gli utenti cosa fanno? Aprono Google e iniziano le loro ricerche. Vediamo allora qual è la situazione della SERP (Search Engine Results Page) per le keyword di settore più importanti.

 

Le Top10 di Google per l’edilizia sostenibile

Ogni parola chiave ha una sua storia, un pubblico diverso, tanti search intent ma un’unica SERP. O meglio, le pagine di risultati sono molte ma la prima pagina - la più cliccata - ha solo 10 posti liberi. Perché tutti vogliono entrare nella top10? Semplice, osserva il grafico che riporta i dati forniti da AdvancedWebRanking.

grafico rapporto click e posizione pagine

Questa curva parla in modo molto chiaro: la prima posizione attira quasi il 35% dei click totali; il CTR (tasso di click) crolla al 18% per la seconda, fino ad arrivare all’1% circa in decima. Solo la prima pagina, dunque, attira intorno all’80% dei click. Vediamo allora quali sono i primi risultati per le keyword più influenti nel settore dell’edilizia sostenibile.

Top10 Keyword: Edilizia sostenibile

  1. ClickLavoro
  2. Ariston.com
  3. Lifegate
  4. Nonsoloambiente
  5. Regione Toscana
  6. Arvha.org
  7. Wikipedia
  8. Ursa.it
  9. Green.it
  10. Tuv.it

Top10 Keyword: Bioedilizia

  1. BioHaus
  2. Tutto Green
  3. Il Messaggero
  4. Portale della Bioedilizia
  5. GreenStyle
  6. Perché Bio
  7. Wikipedia
  8. EcoAge.it
  9. Bioedilizia Italia
  10. Macrolibrarsi.it

Dunque, tra i primi tre risultati per la keyword bioedilizia abbiamo BioHaus, Tutto Green e Il Messaggero. Se tu non ci sei, significa che è ora di dare il via al cambiamento.

 

Quanto valore stai perdendo?

Ogni giorno passato senza comunicare i plus dell’edilizia sostenibile, infatti, è una perdita economica. Facciamo un calcolo. Prendiamo da SemRush il volume dell’insieme di keyword riguardanti l’architettura sostenibile: 17.790 ricerche di cui 3.600 solo per la parola “bioedilizia”.

Perfetto. Ora ipotizziamo per comodità che ad ogni ricerca corrisponda un utente unico (cosa che, in genere, non è così perché un utente può ricercare più di una keyword sui motori): considerando un tasso di conversione medio basso dell’1%, otteniamo 179 contatti al mese. Contatti che tu, al momento, stai cedendo ai tuoi concorrenti su un piatto d’argento.

Questo vale non solo dal punto di vista organico, ma anche dal punto di vista dell’advertising. Secondo i dati forniti da Google Ads, keyword come architettura sostenibile, materiali ecosostenibili, edilizia sostenibile… hanno una concorrenza bassa: ciò significa che sono poche le persone che stanno investendo il proprio budget su questi termini di ricerca.

Il momento perfetto per poter pubblicare i propri annunci ad un prezzo più basso, conveniente e con maggior margine di ROI (Return On Investment) soprattutto per quanto riguarda la parte inferiore della pagina.

Quindi cosa fare?

Iniziare a comunicare il valore del tuo lavoro e del tuo brand sul sito web, ad esempio, potrebbe essere un ottimo punto di partenza. Lo puoi fare pubblicando articoli informativi su un blog aziendale in cui vai a rispondere alle domande di cui ti abbiamo parlato qualche paragrafo fa, oppure addentrarti nei trend della bioedilizia…

Non fissarti troppo sulla tua azienda e su quanto siete bravi, preoccupati di fornire contenuti utili ottimizzati per i motori di ricerca per coloro che hai definito come il tuo target e vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare (questa volta davvero, però!).

 

richiedi gratuitamente un'analisi keyword

  • Commenti

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?