Gli unicorni esistono? Sì, almeno per il marketing

CONVERTI | LEAD SCORING | LEAD MANAGEMENT | CRM
Gli unicorni esistono? Sì, almeno per il marketing

Diciamolo: sprecare del tempo al telefono cercando di chiudere dei lead che non sono pronti all’acquisto non è certo la strategia più auspicabile per un’azienda.

Il rischio, infatti, non è solo quello di rincorrere un vero e proprio miraggio, ma è anche quello di allontanare i lead, infastidendoli con la nostra offerta invece di accompagnarli all’acquisto.

Come fare, dunque, per evitare di sprecare tempo e denaro? La risposta è semplice: bisogna qualificare i contatti. Ossia? Partiamo da un presupposto: non tutti quelli che approdano sul nostro sito sono davvero in target. Pertanto bisogna definire a priori dei criteri per renderli qualificati e, quindi, identificabili come pronti all’acquisto.

 

#01 Giada e Carlo ORIZZ

 

 

È lo stesso che, come Carlo e Giada ci mostrano nel video, succede in una mandria di cavalli: nonostante ci sembrino animali tutti uguali, solo pochi di loro hanno delle caratteristiche (il colore del pelo, la conformazione del corpo, le prestazioni) che li rendono unici, ossia adatti alla nostra offerta. E proprio come un mandriano va alla ricerca del suo unicorno, così anche team marketing e sales devono lavorare per trovare e contattare il lead più qualificato per chiudere una vendita.

 

Leggi l'articolo completo >> Perchè la marketing automation funziona al meglio se integrata col CRM

 

scarica la guida alla marketing automation

 

  • Commenti

Ricevi i nostri articoli via e-mail