Inbound 2017: Content Strategy e Topic Cluster, cosa cambia?

NEWS | EVENTI | INBOUND MARKETING
Inbound 2017: Content Strategy e Topic Cluster, cosa cambia?

L'Inbound marketing cambia in continuazione, così da tenere il passo con l'evoluzione del mondo del web e con i desideri dei consumatori. L'ultima novità riguarda i contenuti, che d'ora in avanti converrà organizzare in Topic Cluster. 

A Inbound 2017 le lezioni al riguardo sono state diverse, tutte interessanti e ricche di spunti per il futuro del nostro lavoro. Ecco un breve riassunto di alcuni dei workshop a tema content.

Il miglior modo di creare contenuti

Come “vincere” con i contenuti? Semplice, mostrandosi autorevoli in quel campo. E per farlo, bisogna usare i Topic Cluster. Secondi i dati, creare dei pilastri e costruirci attorno dei contenuti è molto più efficace che basarsi sulle keyword.

Le campagne di questo tipo possono durare dai 30 ai 90 giorni e devono incentrarsi su un singolo messaggio. Possono essere condotte anche in contemporanea a campagne più tradizionali, che portano più traffico nel breve periodo.

Un altro modo per avere successo è riuscire a prendere possesso degli snippet box, quei riquadri dove Google mostra il risultato più rilevante per la ricerca in corso. Creare contenuti che rispecchino determinati parametri è fondamentale per raggiungere gli snippet box.

La SEO è morta

Nel mondo moderno, l’utilizzo di backlink, keyword e anchor text non basta più per andare bene dal punto di vista della SEO. Per questo motivo è il momento di passare ai Topic Cluster e alle Pillar page.

topic cluster1-565360-edited.jpg

Una Pillar page ben fatta è ampia ma non esaustiva, è sempreverde e aggiornata costantemente, e soprattutti contiene i link interni. Essi sono fondamentali, poiché collegano la Pillar agli articoli del blog che trattano il tema in questione. Così facendo, si crea un sistema reticolare che indica ai motori di ricerca che siamo degli esperti su quell’argomento.

Siamo pronti per questa rivoluzione?

Anni e anni a parlare di SEO, e ora tutto sta per cambiare. Negli States, questa piccola rivoluzione sta già prendendo piede prepotentemente. E in Italia? La cosa migliore da fare è seguire il trend, e farlo subito. Chi riuscirà a innovarsi per primo otterrà i migliori risultati.

  • Commenti

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?