Come scrivere DEM di successo

CHIUDI | DELIZIA
Come scrivere DEM di successo

DEM è l’acronimo di Direct Email Marketing, cioè le tecniche che prevedono l’invio di mail di natura informativa o che coinvolgano utenti e potenziali tali nelle iniziative dell’azienda, il tutto con un tono personale. Ma come scrivere DEM di successo?

 

 

Scopri tutti gli altri passi imprescindibili per una strategia inbound di successo nella nostra guida. Scaricala grauitamente qui!

 

 

Per natura un servizio di DEM è destinato a coloro che sono già clienti e utenti del sito web, ma nulla vieta di coinvolgere anche i tuoi prospect. Per farlo basta un invito ad iscriversi e a lasciare i propri dati in un form apposito, oppure, nel migliore dei casi, rispondendo ad un contatto diretto dell’utente stesso. Ogni volta che una mail porterà ad un acquisto o, in generale, ad un’azione importante per la tua azienda si parlerà di chiusura. Le chiusure da utente a cliente sono l’obiettivo finale di ogni attività di DEM, ma non bisogna ridurre tutto a questo. Un servizio di Direct Email Marketing di successo non perde mai di vista il fattore umano.


Ecco alcuni consigli

Scrivi mail curate nei testi e nella grafica, con un oggetto sempre chiaro e preciso, non eccedere con la lunghezza del testo e con la quantità dei link. Scegli una landing page efficace e rendi semplice la call-to-action, ovvero l’invito all’azione che rivolgi al tuo destinatario che può essere, per esempio:

  • Iscriversi ad una newsletter
  • Scaricare gratuitamente materiali informativi e utili come ebook o presentazioni
  • Acquistare utilizzando particolari promozioni
  • Provare in anteprima determinati servizi
  • Partecipare a dei sondaggi

Una call-to-action va sempre resa esplicita con espedienti che siano piacevoli e facili da individuare: sperimenta bottoni, evidenzia i link, aggiungi immagini esplicative e fai in modo che la CTA porti sempre ad una landing page chiara e immediata. Ma non esagerare: inserire troppe richieste in una volta sola, rischia di essere controproducente.

Per creare DEM efficaci, inoltre, è anche necessario sapere precisamente lo stadio del buyer’s journey in cui si trova il destinatario. Ad esempio, se il lettore è appena diventato un lead per la tua impresa, molto probabilmente non sarà ancora pronto ad acquistare i tuoi prodotti: le email devono quindi puntare a coltivare la relazione con lui, e avere un carattere informativo.

Le email promozionali possono essere mandate solo dopo tempo, quando il tuo team di vendite considera il lead “caldo”, e quindi pronto a diventare un consumatore.  

Una DEM di successo coltiva con cura e costanza il rapporto con ciascuno dei suoi contatti, ma mai tradire la loro fiducia. In sostanza:

  • Sì agli appuntamenti fissi e regolari, no al bombardamento inaspettato di mail. Scegli di inviare, per esempio, una newsletter ogni primo lunedì del mese, oppure a metà settimana, ma non oltrepassare certi intervalli temporali: non avresti molte novità da raccontare e il rischio spam diventa troppo alto
  • Rendi sempre riconoscibile il mittente per scongiurare la consegna direttamente nella cartella spam
  • Ad ogni mail associa un oggetto sintetico, preciso e che non inganni
  • Fai in modo che qualsiasi sia l’aspetto grafico e testuale della tua mail sia facilmente consultabile da tutti i dispositivi, rendi cioè la tua newsletter responsive per smartphone, tablet e computer di ogni dimensione e tipo

Le metriche

La misura del successo di queste iniziative è data dal ritorno di investimento, o più comunemente ROI. A questo è strettamente connessa la misurazione di quei parametri che hai impostato come importanti per la DEM della tua azienda, cioè le metriche. Tra queste, alcune facili da misurare possono essere:

  • Percentuale di email arrivate a destinazione (Delivery rate)
  • Numero di nuovi iscritti al tuo servizio di newsletter (Conversion rate)
  • Percentuale di click sulla tua call-to-action (Click through rate)
  • Percentuale di email aperte (Open rate)

Sono metriche che non devono spaventare: quasi tutti gli strumenti disponibili per sviluppo e invio di newsletter le rilevano praticamente in automatico.


Come ottenere gli indirizzi email?

Infine ricorda che l’indirizzo mail è un dato sensibile, quindi c’è una regolamentazione precisa per il trattamento di questi dati. Evita l’acquisto di liste di indirizzi email perché è controproducente. I destinatari delle tue DEM molto difficilmente saranno interessati a ciò che hai da dire; anzi probabilmente ne saranno infastiditi.

Investi, invece, nella conquista diretta di nuove mail e contatti. Inserisci un modulo di iscrizione ben visibile sul sito e, soprattutto, dai la possibilità ad ogni destinatario di cancellarsi dalla newsletter in maniera rapida. Anche questo è sinonimo di serietà e affidabilità da parte della tua azienda.

Download our free ebook

  • Commenti

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?